Το κείμενο των 5 εκζητούμενων από τις ιταλικές αρχές [Ιταλικά / Αγγλικά]

Το κείμενο των 5 εκζητούμενων από τις ιταλικές αρχές [Ιταλικά / Αγγλικά]

[EN]

PUBLIC ANNOUNCEMENT OF THE 5 REQUESTED ACTIVISTS FROM THE ITALIAN AUTHORITIES 

1.

In May 1st of 2015, a large demo took place in the context of the May Day strike in Milan. It wasn't just a day of national general strike, but a day of a meeting of movements from all over Italy (grassroots unions, social centers, students' groups, struggle committees about housing, immigration communities, the No Tav movement etc) against the austerity measures that were voted and applied by the Renzi government. It was also the peak of the NO EXPO movement, against the international exposition EXPO, with the participation of people from many European countries against the glamorous opening of EXPO the very same day. The mass participation and the dynamics of the protest was the peak of a 7-year-old movement which questioned the exposition and its political campaign, setting in crisis the political careers of government officials and local authorities.

Seven years ago, in 2008, the municipality of Milan undertook hosting of the exposition. For its sake, 1,100 acres of land were concreted and local populations were displaced and their houses were expropriated, so they would submit to the development plans and their commercialisation. The bosses bet that Milan would be a city attractive to the capital, and were trying to showcase it as a business capital and promote it as the 8th Wonder of the Modern World for the local working class people, to whom they promise development and new jobs. The whole city was stylised with luxurious buildings, new highways and spectaculare projects. Behind the showcases of development, the bribes fell like domino one behind the other, the banks lended, managed and laundered money for the rest, the contractors took care to delay the projects so they could overprice them and, of course, among the contractors were involved the mafia with its businesses.

This profitability cycle for the bosses that started in 2008, was set and completed on the brutal exploitation of underpaid and voluntary labour of thousands of youngsters, sparing even more thousands of euros for the pockets of the capitalists. Alongside the building of the exposition, an operation of refinement took place for all those that could be considered dangerous for the maked-up image of the city. Large police operations took place to the neighbourhoods with evictions of locals and immigrants from the social housings, evacuation of social centers and strike requisitions, culminating in the strike of the subway workers a few days before the opening of EXPO.

2.

And while 6 months later the curtain falls for the exposition, the results and the aftermath remain. The EXPO finishes and leaves behind a deficit of 1.5 billions that is to be paid by increased municipal taxes, obligating the proletarians, under the “corporate responsibility” of the debt, to foot the bill and to say “thank you!” for the spectacular feast. It leaves behind looted land, flexible labour relations, establishment of volunteering and repression. Six months later from our adduction in Milan, and while the curtain falls for the EXPO, the Italian authorities start a new witch hunt fabricating indictments and issuing arrest warrants for 5 Italian protesters, while issuing a Europena Arrest Warrant (EAW) for us. We have every reason to believe that our ex post charges, and those of the 5 Italians, are hiding political expediency behind them, and not only because the criminalise the participation in a protest on a basis of a fascist law which was established by Mussolini and still applies to this day, but also because the Italian authorities start an operation of masking and concealment of the “scorched earth” that EXPO left behind, focusing the attention of the public opinion from the scandals to the protesters, in order to save, construct and redeem their political careers. Our prosecution is for the Italian authorities the ideal opportunity to penalise and exemplify us and everyone that were in the streets those days. It is the ideal opportunity to show what future holds for anyone who decides to struggle and meet with other movements on a national and European level.

The issuance of a EAW, the ridiculous indictments, the criminalisation of the participation in a protest, the political trials that have shut in prison activists for 15 years, send a clear message that as long as the underclasses are in the streets uniting their voices, the repression will intesify.

3.

A EAW is issued for the first time for the prosecution of protesters (till now, it was only issued for heavy offenses like drugs and human trafficking, and money laundering). It clearly constitutes an effort to upgrade the internationalised repression, and an effort to criminalise the social struggles and the meeting of movements on a European level. At the same time, it is a bet for all the parts of the european antagonistic movement to put a halt to these repressive approaches, by blocking the extraditions

In 2008-2010, with the outbreak of the recession, due to the global capitalist crisis, in the European economies, the member-states of the EU, in order to save the (global) financial credit system, rushed to take measures to nationalise its damage and losses. First the Greek state, with other states of the Eurozone following. Certainly, this by itself couldn't solve the problem, because the “financial crisis” is just a mere expression of the crisis in the production and reproduction of capital. So, the problem had to be hit at its root: devaluation of the labour power and downgrading of the lives of the proletarians, in order to achieve the overcoming of the crisis with favorable conditions for the profitability of capital.

Thus, the local and international capitalists and their governments, began to apply austerity measures or going into strict Structural Adjustment Programs. Measures and programs that here in Greece are known as Memoranda, which the coalition government of SYRIZA-ANEL is continuing to vote and apply, like wage, pension and allowance cuts, reductions in public spending, tax increases on food and basic necessities, privatisations, release of redundancy, increases of the retirement age, etc.

4.

All these could only be imposed on the base of a permanent “state of emergency” which, apart from the politics of the “public debt” as lever of enforcement and terrorisation, comes with the withdrawal of “welfare state” and the emergence of the “security state”. All of the above are just different aspects of the same strategy of the management of the crisis from the capital, for the imposition of new norms of discipline and exploitation of the underclasses.

A generalised “state of emergency regime” is imposed step by step in all of Europe, on the occasion of the threat of the “islamic terrorism”, with a widespread militarisation of the western metropolises. A large scale campaign of fear and total control is taking place, with raids on homes of activists, protests ban, introduction of new anti-terror laws and militaries patrolling the streets. And it is well-known that this war climate is not only directed against the immigrants who manage to arrive in Europe from the war zones in Africa and Asia, but also to all of those who chose to today and tomorrow to take the streets and protest against the politics of austerity and devaluation, the Fortress Europe, the cemetery-like silence that they are trying to impose on us.

5.

In 7,8 and 11 of January, we are called to battle against these extraditions. The struggle for their blockage is a part of a wider mosaic of struggles which are the embankment of the continuing downgrading of our lives. It is a part of the students' struggle against their increased schooling costs in universities, of the workers' everyday struggles and strikes against their bosses, of the movements of local neighbourhood assemblies for the refusal of payment for our basic needs, of the demands of the precarious workers against the modern slavery of the workfare programs, of the riots of the immigrants at the borders and the modern concentration camps. It is a part of every community of struggle which erupts in the public sphere against the capitalist imperatives and the state repression.

We call all our colleagues, classmates, comrades and all the struggling people to make the case of our prosecution their case, to take battle positions, to block the extraditions.

 "An attack against one is an attack against all"

 EVERYONE TO THE PROTEST AT THE COURT OF APPEAL

IN JANUARY 7TH, 8TH AND 11TH

 The 5 requested activist from the Italian authorities

 

[IT]

COMUNICATO DEI 5 RICERCATI DALLE AUTORICA ITALIANE 

1.

Il primo maggio 2015 a Milano c’è stata una gigantesca manifestazione nel contesto della giornata dei lavoratori. Non era semplicemente una giornata di sciopero generale, ma piuttosto una giornata nazionale di incontro tra movimenti (sindacati di base, centri sociali, collettivi studenteschi e universitari, comitati di lotta per la casa, comunità di migranti, il movimento No Tav, eccetera) contro le misure di austerity varate nell’ultimo periodo dal governo Renzi. Era anche la giornata culmine del movimento NoExpo contro la fiera aziendale internazionale Expo 2015 che vedeva la partecipazione di persone da diversi paesi dell’Europa e la sua provocatoriamente sfarzosa inaugurazione. La manifestazione così massiccia e determinata è stata appunto il culmine di un movimento lungo 7 anni che ha messo in discussione la fiera e la campagna politica che si giocava intorno ad essa, mettendo in crisi le carriere politiche dei politicanti e dei “capetti” locali.

Sette anni prima, nel 2008, il comune di Milano è stato incaricato di ospitare Expo. Ha così cementato 1100 acri di terreno, si è deciso di rilocare gli abitanti per prender loro le abitazioni e il territorio sul quale vivevano, per piegarli ai progetti di riqualificazione e alla loro resa commerciale. I padroni hanno, in buona sostanza, l’obiettivo di rendere Milano una città più attraente per il capitale, provano a presentarla come la capitale dell’impresa e di pubblicizzarla come l’ottavo miracolo per la classe lavoratrice locale, alla quale promettono sviluppo e nuovi posti di lavoro. Dietro alle vetrine del progresso, le bustarelle cadono una dietro l’altra come le tessere di un domino, le banche prestano denaro, lo gestiscono e lo puliscono per gli altri, gli impresari si danno cura di ritardare le consegne dei lavori in modo tale che si gonfino i costi e, ovviamente, tra i grandi appaltatori compaiono anche i nomi di mafiosi e delle loro imprese.

Questo ciclo di profitto per i padroni che comincia nel 2008 si è retto ed è riuscito a concludersi sulle spalle di un forte sfruttamento salariale e del lavoro volontario di migliaia di giovani, il che ha permesso di ingrossare ulteriormente le tasche dei padroni. Parallelamente alla costruzione della fiera è avvenuta anche un’operazione di rastrellamento di tutti coloro i quali potevano essere considerati pericolosi per la fantasmagorica immagine della città. Grandi operazioni di polizia sono avvenute nei quartieri per sfrattare gli abitanti meno abbienti sia locali che migranti, come ci sono stati sgomberi di centri sociali e precettazione degli scioperi, come quella avvenuta pochi giorni prima dell’inaugurazione con lo sciopero dei lavoratori della metropolitana.

2.

E mentre sei mesi dopo scende il sipario della fiera, i risultati e le conseguenze rimangono. Expo chiude e lascia dietro di sé un miliardo e mezzo di debiti che dovranno essere pagati con tasse ed imposte comunali gonfiate, costringendo con la “responsabilità collettiva” del debito i proletari a pagare gli eccessi e a ringraziare pure per questa festa fantastica. Lascia dietro di sé il territorio saccheggiato, la flessibilizzazione dei rapporti lavorativi, l’istituzione del lavoro volontario, la repressione. Dopo sei mesi, quindi, dal nostro fermo di polizia a Milano e dalla chiusura di Expo, le autorità italiane hanno cominciato una caccia alle streghe costruendo accuse ad hoc e emettono un mandato di arresto per 5 manifestanti italiani e contemporaneamente un mandato di arresto internazionale per noi 5. Abbiamo tutte le ragioni di pensare che i procedimenti penali contro di noi, così come quelli contro i 5 compagni italiani nascondano degli obiettivi politici, e questo non solo perchè viene perseguita la partecipazione alla manifestazione sulla base di una legge facente parte di un codice penale varato da Mussolini e ancora in vigore, ma anche perchè le autorità italiane hanno cominciato un’operazione di depistaggio e di silenziamento sulla terra bruciata che Expo si è portato dietro, facendo sì che l’attenzione dell’opinione pubblica si spostasse dagli scandali ai manifestanti, in modo da salvare, costruire e rendere più prestigiose le loro carriere politiche. Il procedimento contro di noi rappresenta, per le autorità italiane, l’occasione per punire e accusare noi e tutte e tutti coloro che si trovavano, quei giorni, nelle strade. È l’occasione per mostrare quale futuro si profila per quelle e quelli che decidono di lottare e di resistere anche in altri movimenti, sia in Italia che altrove in Europa.

Il ricorso al mandato di cattura europeo, le accuse ridicole, la persecuzione della partecipazione alle manifestazioni, i processi politici che, nel tempo, hanno portato in carcere compagni per 15 anni, mandano un messaggio molto chiaro: che coloro i quali si trovano dal basse nelle strade per unire le loro voci di protesta verranno colpiti da repressione costante e sempre più intensa.

3.

Il mandato di cattura europeo è stato in questo usato per la prima volta (in precedenza solo per punire crimini pesanti come il traffico internazionale di stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, il riciclaggio di denaro sporco, eccetera) per colpire dei manifestanti. Rappresenta chiaramente un tentativo di affinamento della repressione internazionale e di criminalizzazione delle lotte sociali e dell’incontro tra movimenti a livello europeo. Allo stesso modo pone anche per tutte le componenti del movimento antagonista europeo l’obiettivo di mettere un freno a queste operazioni repressive, bloccando nei fatti le estradizioni.

Tra il 2008 e il 2010, con   l’esplosione del discorso da Grande Depressione relativamente alla crisi capitalista globale nelle economie europee, gli stati membri dell’UE, per salvare gli istituti finanziari (globali) hanno preso tutte le misure necessarie per nazionalizzare il loro grande debito. Ovviamente, questo da solo non poteva essere sufficiente perchè la “crisi finanziaria” non rappresenta che una piccola parte della crisi di produzione e riproduzione del capitale. Quindi il problema doveva essere affrontato alla radice: la svalutazione della forza lavoro e la precarizzazione delle vite dei proletari con lo scopo di un’uscita dalla crisi il più possibile favorevole per il profitto del capitale.

Così i capitalisti locali e internazionali e i loro governi hanno cominciato a far passare misure d’austerità e durissimi programmi di aggiustamento strutturale. Misure, che da noi sono famose col nome di “memorandum”, e che continuano ad essere votate e passate dal governo di coalizione Syriza-ANEL, come i tagli ai salari, delle pensioni e dei sussidi sociali, la diminuzione della spesa pubblica, l’incremento dell’iva sul cibo e sui beni di prima necessità, la privatizzazioni e la liberalizzazione dei licenziamenti, l’aumento dell’età pensionabile eccetera.

4.

Tutto questo può passare solo attraverso l’istituzione di uno “stato d’eccezione” permanente che oltre alla politica del “debito pubblico” come leva per il controllo e la gestione della paure, porta anche lo smantellamento del welfare state rimpiazzato dallo stato securitario. Tutti questi sono solo diversi aspetti della stessa strategia di gestione delle crisi del capitale, per imporre nuove norme disciplinari di sfruttamento e declassazione.

Uno “stato d’eccezione” generalizzato è ormai imposto, passo passo, a tutta Europa, con l’occasione della minaccia del “terrorismo islamico”, attraverso una vasta militarizzazione delle metropoli occidentali. Sta avvenendo una vera e propria campagna del terrore e del controllo totale su larga scala, con perquisizioni nelle case degli attivisti, divieti di manifestare, introduzione di nuove leggi antiterrorismo e militari a presidiare le strade. Ed è chiaro come questo clima di guerra non sia solo diretto contro i migranti che cercano di raggiungere l’Europa dalle zone belliche di Africa e Asia, ma anche contro tutti e tutte coloro di scendere in strada e protestare contro le politiche di austerità e sottomissione, contro la Fortezza Europa, al silenzio di tomba che cercano di imporci.

5.

Il 7, l’8 e l’11 gennaio, siamo chiamati a batterci contro le estradizioni. La lotta per il loro blocco è parte di un più vasto puzzle di lotte che hanno l’obiettivo di arginare la continua svalutazione delle nostre vite. Fa parte delle lotte degli studenti e delle studentesse universitari/e contro l’aumento delle tasse universitarie, degli scontri quotidiani dei lavoratori contro i padroni e contro la precettazione degli scioperi nei posti di lavoro, delle mobilitazioni per il rifiuto di pagare per bisogni primari mosse dalle assemblee dei quartieri, delle rivendicazioni dei lavoratori precari contro il mondo della schiavitù moderna, delle rivolte dei migranti ai confini e nei lager moderni. È parte di ogni lotta sociale che esploda nella sfera pubblica contro gli imperativi del capitalismo e la repressione di stato.

Chiamiamo i nostri colleghi, i nostri compagni di studio, i nostri compagni di lotta e tutti coloro si sentano parte delle lotte a partecipare a questa battaglia, a prendere una posizione chiara, a bloccare le estradizioni.

“Chi tocca uno tocca tutti!”

Tutte e tutti alla corte d’appello il 7, l’8 e l’11 gennaio!

I 5 ricercati dalle autorità italiane, 2/1/2016

Προσθέστε περισσότερες πληροφορίες

To μέγιστο μέγεθος των αρχείων είναι 16ΜΒ. Επιτρέπονται όλες οι γνωστές καταλήξεις αρχείων εικόνας,ήχου, βίντεο. ΠΡΟΣΟΧΗ! Για να υπάρχει η δυνατότα embed ενός video πρέπει να είναι της μορφής mp4 ή ogg.

Νέο! Επιλέξτε ποιά εικόνα θα απεικονίζεται στην αρχή του σχόλιου.

Creative Commons License

Όλα τα περιεχόμενα αυτού του δικτυακού τόπου είναι ελεύθερα προς αντιγραφή, διανομή, προβολή και μεταποίηση, αρκεί να συνεχίσουν να διατίθενται, αυτά και τα παράγωγα έργα που πιθανώς προκύψουν, εξίσου ελεύθερα, υπό τους όρους της άδειας χρήσης Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License